Categorized | News

Un Pò di roba che uscirà a ottobre (Vertigo)

Unknown soldier
storia Joshua Dysart
colori Oscar Celestini
Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google
  • Technorati
  • MySpace
  • StumbleUpon
  • Live
  • TwitThis

13 Comments For This Post

  1. carlo bocchio Says:

    me ne sono persa di starada assentandomi d asti katz di blog….

  2. carlo bocchio Says:

    insomma…
    manca solo la mia di collaborazione ufficiale: un pò tutti hanno fatto per te colore o testo…

    brutta cosa sì….

  3. grezzodeluxe Says:

    in che senso?

  4. Andrea 8p Says:

    NON VEDO L’ORA!

  5. carlo bocchio Says:

    nel senso che ho scritto:
    sò cent’anni che si dice di fare na cosa insieme ma, a parte l’amore, nulla più(come s efosse poco: l’amore a me, i cazzo dic omics agli altri)!

    Bè, ammetto che, in questo preciso momento non sarei nemmeno in grado di farla una collaborazio,peccato per il tempo perduto!

  6. grezzodeluxe Says:

    carlo:
    “l’amore a me, i cazzo di comics agli altri”?

    ne parli come se stessi distribuendo regali.

    ero convinto che avessimo parlato di queste cose già tempo fa al telefono e che tu mi avessi detto che andava bene .

    mi spiace per il tempo perduto, tempo che ho perso anche io facendo a mia volta tavole di prova e pin ups di vario tipo, a volte le cose non funzionano, a volte gli editori non le vogliono, a volte non è il momento di fare un determinato progetto. tutte cose che sai già perchè ne abbiamo già discusso.

    cazz è sta polemica?

  7. carlo bocchio Says:

    Eccomi,scusa il ritardo ma sono inkasinato:

    @carlo:
    “l’amore a me, i cazzo di comics agli altri”?

    ne parli come se stessi distribuendo regali.

    ero convinto che avessimo parlato di queste cose già tempo fa al telefono e che tu mi avessi detto che andava bene .

    mi spiace per il tempo perduto, tempo che ho perso anche io facendo a mia volta tavole di prova e pin ups di vario tipo, a volte le cose non funzionano, a volte gli editori non le vogliono, a volte non è il momento di fare un determinato progetto. tutte cose che sai già perchè ne abbiamo già discusso.

    cazz è sta polemica?

    @bè, è una polemica che mi fa vedere parti immani con tutti i comicwriter del mondo,o coloristi, e, nonstante tutto a me che sono sempre pronto a stare nei miei pizzi, mi viene d adire: ma cazzo, di tutta la roba che abbiamo concepito insieme possibile che solo quella con rispettabili altri viene a galla?
    Magari non è una domanda lecita, xkè come dici tu, a ragione, le volt ech eabbiamo tentato insieme ,come è successo con Alex Crippa, il materiale o era troppo avanti o non piaceva.
    A questo punto mi chiedo s enon sono io, cioè se non è colpa mia, visto che le cose che faccio/amo, piacciono alla fine perlopiù agli addetti ai lavori.
    Però mi rode il culo, senza tanti giri di parole, perchè vedo il prodotto finito, vedo quel messaggio che alla fine arriva alla gente che, credo, infine si può ancora considerare degna di un messaggio,e non del rogo(nonstante sia andata tutta a votare come fedeli krumiri).
    Sì, sfogo uterino, che ti devo dire?
    In un momento,tra l’altro, in cui sono impegnato in altre direzioni proprio perchè vorrei ricavare osldi per fare comicbook senza preservativo, come è uso ormai dovunque.
    Non so, e penso quando scrivi ”
    ne parli come se stessi distribuendo regali.”
    che mi sembr al’opposto. Cioè,che ti costa, e che non ne puoi, magari,parlare qui.

    Comunque sia era una provocazione ma piena di sentimento: cazoz, dovrei andare a fare beautiful ma con un iter stile anni 80!

    Va bene, se non si potrà fare una cosa adesso, si potrebbe pensare ad un trittico,con Alex scrittore, tu dessiner’, e magari io al colore.NOn so ke dire: l’idea di fare meno e con più dedizione mi solletica,ma sto farnetikando adesso.

    PS.: ho messo online il fumetto della shoah, quello cassato dal baleniere e dal quadrumane.

    Ora ti saluto, col solito amore,

    jack , piastra cardiaca

  8. grezzodeluxe Says:

    carlo:
    quando mi riferisco al distribuire regali non parlo di cose che mi costa fare, ma mi riferisco a un tuo messaggio che sembra indicarmi come uno che distribuisce sentimenti e business pesandoli sulla bilancia, la cosa mi fa incazzare perchè non sono così.
    per chiarezza , Oscar è stato scelto dalla vertigo dopo aver visto le sue tavole del Monco su questo sito e io ho accettato volentieri dopo che Oscar ha colorato in tre mesi 120 pagine praticamente gratis.
    inoltre è un tipo di colore funzionale al segno a china che la vertigo voleva. Non cercavano qualcosa di pittorico, che è lo stile verso il quale andremmo noi se lavorassimo insieme.
    la storia di fuochi fatui sarà tre anni che va avanti a livello di progetto e oggi è finalmente andata in porto.
    È in bianco e nero.
    Oltre a idee insieme a te ne ho altre insieme a Stefano Raffaele (ha delle idee geniali, non vedo l’ora, ma non ho il tempo materialee forse nemmeno lui nonostante sia iperproduttivo) altre con Crippa,le scimmie, Akab, Miraglia, rosenzweig ecc. e vanno avanti da anni.
    nessuna ingiustizia,preferenze o altro.
    io gli sfoghi li accolgo tutti,come faccio da anni, perchè puntualmente ogni giorno c’è qualcuno che si sente non capito o troppo avanti per questo mondo, e sempre puntualmente lo viene a riferire a me. che sia fumetto,letteratura, o qualsiasi altro campo vi venga in mente io sono ,per qualche ragione a me sconosciuta,il catalizzatore delle frustrazioni altrui.
    e capisco tutti, ma non per questo ho il segreto perchè il mondo svolti in qualcosa di meglio.
    si va avanti digrignando i denti e cercando sempre di proporsi,di imporsi e di farsi conoscere nel mondo del fumetto grazie ai propri lavori.
    come tutti voi che vi sentite troppo avanti o non capiti pure io mi sveglio la mattina e provo a proporre idee,concetti, progetti che poi sono destinati a restare nel cassetto.
    amen, si ricomincia e si riprova.
    mi piace che tu voglia metter via dei soldi per farti un fumetto senza preservativi. sono sicuro che sarà una figata ecc.
    Ma è inutile mettere in mezzo la scimmia o akab, o parlare di loro assimilandoli a concetti di berlusconismo o di finta alternatività ecc se non ti rispondono .
    nessuno dei due ha avuto i soldi in regalo da mamma e papà, ma c’è chi,come le scimmie, si è fatto il culo per ricevere dei finanziamenti legali dall’università. Si sono sbattuti anche nella vita reale.
    se non ti hanno risposto è perché probabilmente son disorganizzati o tossici o lunatici,non perchè cercano di mettersi con la disney e quindi fanno calcoli sovversivi.
    si può dire di loro che sono dei cazzoni, non che sono degli opportunisti.
    fanno uscire un numero quando possono, o quando riescono a tirar fuori i soldi. magari la storia che gli hai proposto non c’entra con quello che vogliono pubblicare loro, e non è questione di impegno sociale verso nemici reali come hai scritto in un tuo post,c’entra che magari gli interessa raccontare di altre realtà,altre frustrazioni, che non devono per forza plasmarsi su quelle di un blog di beppe grillo o di una lotta che qualcuno (come te,giustamente) sta portando avanti facendosi il culo (un editore giovane che si sta imponendo per i temi civili é Becco Giallo di Padova, per esempio).
    realtà diverse, non c’è giusto o sbagliato,vero o falso, c’è la diversità, per fortuna.
    è quella diversità che tutti noi andiamo cercando e per la quale spesso usciamo frustrati, allora perchè poi cercare un’omologazione dei temi a tutti i costi? Chi decide dove sta l’impegno vero e dove si fa finta?

    l’amore sempre

  9. carlo bocchio Says:

    Non penso che tu sia un distributore di sentimenti o business, la cosa è, a posteriori, più complessa.
    Se rileggi poi i miei msg, dovrebbe permeare ironia e rammarico insieme,ma forse sei sotto pressione e questa è la fottuta famosa goccia!
    Ti dirò come è pe rme:

    Vedere da fuori il prodotto realizzato e finito non mi ha fatto, ahimè, pensare a quante beghe ci siano dietro, semplicemente mi è apparso come “concepito e nato”. Così, senza pensare ai vari perchè/percome, sul momento ho rosicato vedendo lavori “you&others” e non “you&me”, realizzati: un rosicamento gay di gelosia.
    Hai presente una coppia che cerca di cagare un figlio e non ci riesce, e poi uno dei due ci riesce con un altro?Una cosa simile.
    Se è vero che i collaboratori te li impongono, è vero anche che progetti e proposte nascono, e vanno in porto, anche grazie agli artisti stessi che collaborano e si impegnano per proporli. Con questo non sto discutendo la tua risposta-verità, ma dico che da parte nostra, nonostante potenziali e basi di partenza notevoli, non c’è mai stato un impegno tale da farci proseguire nel tentativo di proposta, e questo, quando vedo che con altri ha funzionato x ragioni a me oscure, mi dispiace.
    Gli impegni, la distanza, e la mia insofferenza verso il comando degli editori, unito ai miei racconti inadeguati avranno sicuramente determinato tutto ciò.
    Ergo: avrei voluto che fossimo riusciti a produrre almeno un albo, nostro, e libero, ma non sono quasi riuscito a farne nemmeno uno mio così! Per questo sono stato tanto contento quando hai fatto il meritato Blatta.
    Non so perchè mi includi in quelli che ti frustrano perchè si sentono “non capiti” o “avanti”: se il mio amico che stimo dice a me che sono un genio e che sono avanti ogni volta che gli racconto una mia storia o che gli mostro del materiale per un progetto, io gli credo.
    Se mi sento “avanti” o capace è anche grazie a te, e grazie agli addetti ai lavori, di certo non agli editori.
    Per la questione del baleniere e del quadrumane bisogna sapere come sono andate le cose per giudicare,
    e mi stupisco che sia tu a sollevare questa faccenda quando sei stato critico nei loro confronti, specie sul piano etico e contenutistico: non dire perciò a me che sono in malafede: io sono stato chiaro da subito nel mio post, dicendo che era una provocazione verso il loro silenzio, e che non avevo mai letto un numero del presidente: rileggere per credere,con tanto di sottolineature in bianchetto. Ergo: il presidente potrebbe contenere il vademecum della protesta e dell’impegno al di sopra delle mie possibilità,e io essere in errore, ma a che serve se non si comunica con chi collabora?
    Aldilà dell’alone di mito/cazzeggio che entrambi hanno scelto di creare attorno ai loro comicbook, posso solo dire che i contenuti sociali e scomodi della mia microstoria erano dichiarati dall’inizio: era chiaro che la mia satira avrebbe avuto contenuti ruvidi. Il problema era lo stile grafico: il baleniere temeva facessi il fantasy che tanto ripudia, il quadrumane mi chiese di inserire qualunque cosa purchè ci fosse un legame con le scimmie: nessuna istruzione precisa ne linea editoriale da seguire.
    Fatto sta che entrambi sono stati, da parte mia, accontentati, e si sono detti compiaciuti della bozza, della storia e dello stile utilizzato, ma poi sono magicamente svaniti anche dopo tentativi di contatto e disponibilità piena del sottoscritto, almeno per capire cosa si poteva fare per “aggiustare”.
    Così, ad oggi non ho mai terminato appieno quel lavoro, e l’ho semplicemente messo nel mio blog per il suo messaggio.

    @”è quella diversità che tutti noi andiamo cercando e per la quale spesso usciamo frustrati, allora perchè poi cercare un’omologazione dei temi a tutti i costi? Chi decide dove sta l’impegno vero e dove si fa finta?“

    Ho scritto una storia che è la scusa per imprimere un messaggio che è una emergenza. Questo non significa che parlare di animali in via d’estinzione o dello scioglimento dei ghiacci sia un tema meno impegnato. Ma l’omologazione dipende dai riferimenti: i temi impegnati sono quelli, e io ho offerto un tema che non è una stronzata, con tanto di vissuto reale, ed è stato boicottato, ma non so nemmeno il motivo,perchè manca la comunicazione.
    Ignorare è maleducazione, perchè anche io come loro non ho avuto soldi in regalo da mamma e papà, ma il lavoro l’ho fatto lo stesso.

    E spero tu ti sia calmato, e se puoi rileggi i mei
    testi iniziali, non troverai infamia ne veleni.se sapevo chiamavo, cazzo!

  10. carlo bocchio Says:

    x chi fosse digiuno del famoso “messaggio” che cerco di divulgare con tanto zelo lo può leggere nel suddetto fumetto cassato presente nel mio blog prostimure il cui link è legato al mio nome cliccabile. Pe rinformazioni e xdocumentarsi andate al blog di grillo cercando nella voce “cerca” le parole “enel” e “carbone”.

    chiedo scusa a tutti per l’intrusione di argomento no-comics, ma so che il padrone di casa è sensibile all’argomento.

    cià

  11. grezzodeluxe Says:

    carlo (e poi personalmente chiudo):

    ovvio che non ti includo tra i frustrati,ma la classica goccia,come dici tu, è leggere parole di amarezza verso qualcosa che non è andato come doveva e che mette me come parametro del tutto (faccio con loro e non con te).

    questo ,in un periodo dove chiunque viene a bussare per mostrare disegni, storie,avere consigli, e dritte su corsie preferenziali salvo poi dimenticarsi (molto spesso) di ringraziare, sommato al tentativo di star dietro alle scadenze di questo periodo,è davvero troppo per me.

    non è questione di fraintendere le parole o non cogliere l’ironia:

    “insomma…
    manca solo la mia di collaborazione ufficiale: un pò tutti hanno fatto per te colore o testo…

    brutta cosa sì…. ”

    quel “brutta cosa si… non mi piace, sarà pure ironico ma mi prepara a una serie di discorsi dove mi pare di dovermi giustificare.

    quel:

    sò cent’anni che si dice di fare na cosa insieme ma, a parte l’amore, nulla più(come s efosse poco: l’amore a me, i cazzo dic omics agli altri)!

    “Bè, ammetto che, in questo preciso momento non sarei nemmeno in grado di farla una collaborazio,peccato per il tempo perduto!”

    può anche contenere ironia, ma il messaggio mi pare serio, o comunque nasconde (male) discorsi polemici.

    se poi fraintendo io allora chiedo scusa, e comunque non è che sto cercando la rissa, ma se vengo tirato in causa qui, dove tutti leggono quello che vogliono, allora mi difendo argomentando.

    di gabri e le scimmie non mi interessa , alla fine sono cazzi loro e se sono cazzoni, o stronzi, o quant altro non sono per fortuna figli miei, quanto ho scritto su di loro è in relazione a una storia che magari non gli è piaciuta e non sanno come dirtelo. ma sono supposizioni,visto che uno non lo sento da mesi e con gli altri non ho parlato al riguardo.
    dicevo solo che i discorsi relativi a un voler fare i soldi erano fuori luogo e mi danno fastidio.

  12. carlo bocchio Says:

    Ma io sono frustrato!:)
    Ho agito così perchè sono egoista, e il mio immenso ego mi mette davanti ad altri con una priorità collaborativa con te come fossi alan moore, o come fossi the best friend.
    Ovvio che tutti i tuoi collaboratori sono dei fighi e li rispetto(non credo faresti cose con vittorio sgarbi se non per molti soldi), ma essendo egoista ho rosicato come se, alla maniera gay avessi subìto un tradimento da te perchè volevo una precedenza (perchè io te la darei per primo,la precedenza, ma come te seguirei anche imposizioni x le collaborazioni o convenienze,più o meno), oltre a non aver pensato ai perchè delle tue collaborazioni e che hai dietro frotte di insistenti e di gente che ti mostra disegni e altro e non ringrazia(non sapevo,ma avrei dovuto immaginarlo) facendoti sclerare in tempi di consegna.

    Come hai sempre notato non ho mai preso la “vie en rose”, e in queste cose ho cercato di coinvolgerti per primo, un tempo, col mio entusiasmo. Dopo le prove che facemmo per Conan ho perso la voglia, per questo sono frustrato e faccio la puttana nel mondo degli RPG e non pubblico nei comics. Dovrei sì vergognarmi, però in questo caso ho solo rosicato senza pensare, anzi pensando solo ai cazzi miei, come non dovrebbe fare un amico che dicasi tale.
    Ed è la primissima volta che ho una discussione con te, cazoz…

  13. alberto Says:

    non c’è nulla di cui vergognarsi, sono discussioni e le si porta avanti, più in generale non mi fa impazzire che cose personali vengano affrontate in piazza, perchè mi fa incazzare che internet diventi il nuovo strumento per comunicare tra amici.
    uno strumento che, a meno che non si abusi di faccine del cazzo per esprimere ciò che a parole non si riesce più a esprimere, crea malintesi,finte incazzature ecc.
    Le discussioni esistono, l’amore pure, si proceda con i tarallucci e il vino! (era una battuta per sdrammatizzare, ma le faccine non le avrete)

Leave a Reply