Categorized | News

ANCORA SU BLATTA

47b

“Dal punto di vista del protagonista Blatta non è un fumetto distopico (almeno all’inizio). Per avere il privilegio di perpetuare la sua vita all’infinito grazie alla clonazione, il palombaro ha accettato di buon grado la rinuncia alla procreazione, i sacrifici di un eremitaggio tecnologico e la perdita della famiglia (che nei suoi ricordi allucinati e lontani - ormai si è reincarnato per la quinta volta - è diventata un uxoricidio richiesto da una pubblica amministrazione rappresentata da un clown e da Topolino). ”

Il resto di questa bella rece lo trovate sul blog di fumetti di carta cliccando  QUI

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google
  • Technorati
  • MySpace
  • StumbleUpon
  • Live
  • TwitThis

8 Comments For This Post

  1. g. Says:

    http://www.facebook.com/home.php?ref=logo#/photo.php?pid=1373358&id=625949632

    non ho più nulla da fare nella vita.

  2. giulio de vita Says:

    I lavori di preparazione su PLUG avanzano a gonfie vele.
    PLUG, è la nuova rivista di fumetti che nasce dalla volontà di alcuni autori di colmare un vuoto editoriale di laboratorio artistico, esistente da troppi anni.
    Il tema è il buonumore, ma c’è spazio anche per altro. (scritti, reportage, articoli ecc. ) …
    I principi ispiratori sono Frigidaire e Mad, passando per Totem Comics e Linus degli anni d’oro. Ma ovviamente PLUG non è un’operazione nostalgica, anzi!
    PLUG vuole essere un’operazione innovativa: la grafica moderna, la linea editoriale al passo con i tempi: una vera e propira rivista (come Max, GQ, Focus, Jack) ma dove al posto degli articoli vi siano fumetti di qualità.

    In generale il tema generale è la visione della nostra società nei nostri tempi. (con questo tema, si può trattare un po’ di tutto).
    Abbiamo già molto materiale fumettistico, scritto e fotografico.
    Ogni autore ha a disposizione un massimo di 4 pagine che possono essere anche divise anche più storie autoconclusive. Ma chi vuole può proporre anche di più.
    È possibile anche affrontare le pagine ancora più liberamente: illustrazioni umoristiche o vignette, oppure composizioni…
    Il formato è A5 c’é libertà di fornire le storie in BN o a Colori, (noi preferiamo a colori).

    Accettiamo opere edite e inedite purchè il copyright sia proprietà dell’autore.

    Stiamo per chiudere il numero 0.
    Volevo chiederti se volevi partecipare.
    Pertanto se vuoi partecipare, affrettati a spedirci il tuo materiale, per procedere alla selezione delle opere e all’impaginazione.
    Con la rivista ci sarà possibile mostrare concretamente il progettto editoriale e reperire i finanziamenti per realizzarla. Inserzionisti, sponsor, vendere pagine pubblicitarie e stabilire un piano economico. Pertanto per il momento la collaborazione richiesta è a titolo gratuito.

    Il numero 0 verrà comunque pubblicato e chi ne entrerà in possesso avrà in mano un oggetto che è già di culto. Esserci è per tutti noi un prestigio.

    Plug sarà una rivista editorialmente libera da leggi di mercato, la sola regola è la creatività e la qualità delle opere. Un laboratorio dove gli autori potranno esprimersi liberamente da vincoli editoriali e stilistici.

    Se ritiieni di conoscere gente in gamba che potrebbe essere interessata a collaborare con la rivista attraverso storie a fumetti, gag, strisce, articoli inoltragli pure questa mail.

    ciao
    Giulio De Vita

  3. ANTINATURALGAS-MASK Says:

    dopo solo 5 mesi anche io finalmente entro in possesso della mia copia di blatta.
    non sprecherò le parole in frasi quali “alberto ponticelli è il miglior fumettista italiano” o “ormai è un autore a tutto tondo, gotha del fumetto internazionale” o userò epiteti quale “genio” “dio” “elvis”, nè proclamerò l’erezione che ho ancora da quando l’ho aperto e anceh ora che ormai l’ho finito la 2° volta.

    non sprecherò bit a idolatrare lo stile, il disegno (”alberto ponticelli ha finalmente imparato a disegnare?”), i chiaro/scuri dell’inchiostro.

    son qui solo per chiedere:
    che diavolo c’era nella valigetta?

  4. grezzodeluxe Says:

    Anti: dirtelo sarebbe come spiegare le barzellette.

  5. ANTINATURALGAS-MASK Says:

    lo sospettavo, allora la pèrenderò come una citazione, della valigetta di pulp fiction. oppure no, meglio ancora, è la 24ore in cui tiene le cose del lavoro, gli adesivi y/n. no, no, sono basette e ciuffo da little tony, in realtà n° 6 è un cosplayer di little tony.
    sì. ecco la mia verità.

    ps, cmq sì, a volte le barzellette vannospiegate.
    pps, ah, ho capito, è una cosa che fa ridere. aspè. “… e allora lui apre la valigetta e se ne va” e tutti ridono. cavolo, e io che avevo pensato fosse una storia seria e intimista, alla fine si rivela tutta una burla. ok, grazie grezzo.

  6. Luigi Siviero Says:

    La citazione di Corto Maltese in fondo al mio articolo dovrebbe aiutare a capire:
    “Ci sono a Venezia tre luoghi magici e nascosti. Uno in Calle dell’Amor degli Amici, un secondo vicino al Ponte delle Maravege, il terzo in Calle dei Marrani nei pressi di San Geremia in Ghetto Vecchio. Quando i veneziani sono stanchi delle autorità costituite, vanno in questi tre luoghi segreti e aprendo le porte che stanno nel fondo di quelle calli se ne vanno per sempre in posti bellissimi e in altre storie…”

  7. zoo med laboratories tortoise Says:

    Awesome! Its in fact remarkable piece of writing, I have got much clear
    idea concerning from this piece of writing.

  8. Deise Says:

    Robbe8 anch’io la penso come te sui complimenti. Vorrei farne per esmepio a Questa e8 la stanza, vorrei dire che aleggia qualcosa di intensissimo in quelle vignette, a partire dalla prima quella dello sbigottimento nello sguardo dei protagonisti; vorrei dire che il linguaggio di Gipi diventa sempre pif9 saldo, efficace, essenziale, autonomo rispetto alla letteratura, al cinema… Tutte queste cose perf2 non le dico, perche9 c’e8 ancora da fare e a me piace troppo vedere il Gipi che ogni volta rivoluziona qualcosa.A questo punto che dire?, potremmo metterci d’accordo tutti su un codice in cui le parole hanno il valore contrario, e quindi intervenire cosec: per me questo fumetto e8 una cagata colossale mi sembra che l’autore sia uno che mena il can per l’aia senza costrutto, mi sembra che questa storia sia uguale a quella del libro prima… :-)

Leave a Reply