Categorized | Featured, News

INTERVIEW

me

Su comicsblog continua , grazie al bello e impossibile Andrea Lavagnini, l’arrogante e spocchiosa celebrazione della mia persona in quanto fumettista.
Ora potete pure trovare un’intervista (divisa in due parti data la complessità e l’ estrema profondità degli argomenti!) dove spiego come preparare una corretta pasta al pomodoro e su come pulire il water senza lasciare tracce di vomito,urina e sangue.
Insomma, cose da maledetto studiate a tavolino, as usual.

 

Cliccate   QUI  (prima parte) e  QUI  (seconda parte)  per godere di tutto ciò e ringraziare ancora una volta Andrea per l’ottimo gusto in fatto di fumetti.

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google
  • Technorati
  • MySpace
  • StumbleUpon
  • Live
  • TwitThis

8 Comments For This Post

  1. H-BES Says:

    Che bello leggere di Ponticelli di prima mattina, quasi come se mi entrassi nudo in casa mentre faccio colazione!

    Yo!

    Saluti
    BES

  2. squaz Says:

    Intervista da sottoscrivere, senz’altro.
    Bello come dici le cose, semplice e senza fronzoli.
    E -nonostante tu voglia farci credere il contrario- non “grezzo”.
    Se ne riparla al seguito.

  3. alex crippa Says:

    sì, bella, ma non ho capito come pulire il water.

  4. Lava Says:

    per pulire il water puoi tranquillamente leggere la seconda parte….
    http://www.comicsblog.it/post/4821/comicsblog-intervista-alberto-ponticelli-parte-2
    grassie di tutto…….

  5. carlo bocchio Says:

    luce verde, vedo….

  6. Enzo Says:

    mmm…”cosplayer” eh? se devi raccogliere materiale dal vivo ti presento un po’ di soggetti umanamente interessanti…uno più allucinante dell’altro…ora vado a disegnare un po’, che internet mi risucchia l’anima, soprattutto al sabato mattina(ovviamente con ‘disegnare un po’ intendo “disegnare finchè entrambe le mani non sanguinano pur non essendo ambidestro”)ciaooo

  7. grezzodeluxe Says:

    Enzo: non parla di veri cosplayer, ma di …vabbè poi ti spiego.

  8. mik Says:

    dotto’ che fine hai fatto? incatenato al tavolo? :D

Leave a Reply